Pittore mandellese strega gli asolani „Pittore mandellese immortala le bellezze architettoniche di Asola“

Pittore mandellese strega gli asolani, Mauro Zucchi, 54 anni, “ridisegna” in maniera astratta il teatro e la chiesa della celebre cittadina mantovana. I due quadri esposti in prestigiosi negozi“.

Pittore mandellese conquista il comune di Asola. Mauro Zucchi, classe 1965, ha infatti dipinto la chiesa e il teatro della celebre cittadina mantovana, nella quale è ormai diventato un artista molto conosciuto. E i suoi quadri sono stati esposti in due importanti negozi della città.

A spiegare la sua ascesa fuori dal Lecchese è lo stesso Zucchi. «Questi due lavori me li ha richiesti una persona, un avvocato-scrittore di Monza la cui compagna è di Asola – racconta il pittore mandellese – La chiesa, che ho dipinto quasi per sfida attraverso le foto che mi aveva spedito, e il teatro. In quest’ultimo lavoro c’è un mix di simbologie: metà quadro rappresenta l’abbandono in cui versa il locale dopo essere diventato cinema e successivamente chiuso, l’altra metà rappresenta la sua rinascita».

Zucchi, molto noto per la sua arte a Mandello, ha naturalmente colto l’occasione di promuovere la propria attività al di fuori dei confini lariani. «In carriera ho allestito alcune mostre – spiega – Due anni fa una persona a Mandello ebbe un buon successo, sul tema “L’uomo”. Mi sono avvicinato all’arte avanti negli anni, dopo i 35, perché non mi piaceva questa società che non lascia spazio all’umanità in nome del denaro. Alcuni miei lavori sono denunce, per esempio “Ciò che lasciamo”, che raffigura una discarica nella quale l’immondizia è l’uomo».

Nei suoi lavori recenti, compresi il teatro e la chiesa di Asola, c’è una chiara ispirazione astrattista, con un tocco personale. «Parto da uno spunto reale, da una ricerca di sintesi. La mia speranza è che la gente si interroghi, che l’arte dia risposte a chi attraversa momenti di difficoltà».

Il Teatro di Asola

Il Teatro di Asola

Chiesa Asola

Chiesa Asola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *